piatti regionali

Pollo alla cacciatora

pizap (18)a

Il pollo alla cacciatora è un piatto della tradizione Toscana , anche se  è presente anche in  altre  regioni  d’Italia con moltissime variante , questo piatto è molto legato soprattutto alla tradizione contadina !!!

Ingredienti

1 chilo di pollo a pezzi  ( io ho usato cosce e sovracosce   )
1 scatola  di pomodorini di collina
q,b di  trito di verdure  ( carote sedano cipolla )
mezza cipolla tagliata grossolanamente
q.b olio extravergine d’oliva
q,b di prezzemolo
sale
pepe

pizap (18)1

Fare soffriggere a fiamma bassa il trito e la cipolla tagliata a pezzetti

pizap (18)2

unire i pezzi di pollo e fare rosolare da entrambi i lati ,versare un bicchiere d’acqua, il prezzemolo tritato , salare, pepare ,  cuocere con il coperchio   a fuoco basso 25 minuti

pizap (18)3

trascorso il tempo scolare i pomodorini dal loro liquido e unire al pollo
cuocere altri 20 minuti con il coperchio ,senza coprire tutta la padella, girare ogni tanto il pollo, fare   restringere un sugo al punto giusto
servire con verdure , purè ,   da buona lombarda anche un buona polenta
lasciando il sugo più liquido

pizap (18)5

Annunci

Ciambella romagnola (Brazadela)

pizap (14)

Era da tanto che volevo fare questo dolce , è  la classica  Ciambella romagnola (SENZA BUCO)     biscottata ,dalla tradizione romagnola
avevo la ricetta chiusa in un cassetto da tantissimo tempo , io l’ho un po modificata !! ma mangiarla sul posto ha un altro sapore ,forse sarà l’aria del mare , la bella compagnia  forse si
Mi ricorda tantissimo i pomeriggi al mare in Romagna ,sotto gli ombrelloni
con i miei figli ( ora adulti ) giocare ,  verso le 16 si sentiva  la voce del proprietario dello stabilimento balneare gridare !! bimbi merenda !! era una festa
Ora a volte quando devo staccare un attimo vado spesso al mare in Romagna !! anche in inverno , l’ultima mia visita  un mese fa    !! c’era pochissima gente in giro ,spiaggia e la brezza marina tutta per me

Ingredienti

pizap (15)i

300 g farina 00
150 g zucchero semolato
80 g burro morbido ( nella ricetta originale c’è lo strutto)
2 uova
q.b latte
pizzico di sale
la buccia di mezzo limone grattata
mezza bustina di lievito per dolci
q.b granella di zucchero

Procedimento

Mettere a fontana la farina lo zucchero  sul piano da lavoro  , nel centro versare le uova,il lievito, il burro morbido , la buccia del mezzo limone grattata,un cucchiaio di latte , iniziare a impastare con le dita iniziando dal centro e man mano prendere la farina , deve diventare granuloso , continuare a impastare con la mani unendo ancora del latte !! tenere vicino la farina sul piano
pizap (15)y
fino a che diventa un impasto morbido e omogeneo ,se serve unire ancora del latte (deve essere più morbido della classica frolla)

Con le mani infarinate formare un cilindro , ci vorrebbe una teglia molto lunga ,allora dividere in 2 pezzi ,adagiare su la teglia foderata con carta forno ,  appiattire i cilindri con le mani per dargli una forma ovale alto 2 centimetri !! spennellare con del latte , spolverizzare la granella di zucchero e un po di zucchero semolato
Infornare in forno preriscaldato ( statico) 170* per trenta minuti ,fare sempre la prova con  lo stecchino
si devono dorare , fare raffreddare in forno semi  aperto

Si conserva per un paio di giorni affettato ( a modo di biscotti )in una scatola di latta
Ottima con un buon caffè , per la merenda dei bimbi con un bicchiere di thè ,per i più grandi con un buon bicchiere di vino DOC di Romagna
sangiovese fresco
le mie ultime foto !! AMO LA ROMAGNA

 

Berlingozzo

collage54-004

Berlingozzo un dolce della tradizione Toscana fatto principalmente nel periodo di carnevale
,,,,,,,,,,,,,,,,,,
leggermente modificata
…………………

ingredienti  ( per una teglia da 22 cm )
200 g di farina
1 arancio ( non trattata)
1 bustina di lievito per dolci
un bicchierino di plastica da caffè di olio extravergine
140 g zucchero
2 uova

glassa

3 cucchiai di zucchero a velo
q.b succo d’arancio
codette di zucchero colorati

procedimento

sbattere con le fruste elettriche le uova con lo zucchero

fino a che diventa un impasto spumoso
unire  l’olio extravergine d’oliva, la farina e il lievito setacciate

la buccia del arancio grattata

img_6986

con un leccapentole amalgamare dal basso verso l’alto

ungere e infarinare leggermente la teglia a ciambella
versare l’impasto
infornare in forno preriscaldato ( statico )
170* per 35 minuti
fare la prova stecchino

nel frattempo che si raffredda fare la glassa

in una tazza mettere 3 cucchiai di zucchero a velo
e q.b di succo d’arancio ( deve venire una cremina fluida )
colare sulla ciambella e decorare con codette di zucchero colorati
!! Buon Carnevale a tutti !!

Dolci sono le chiacchiere del Carnevale. Oggi, ogni Chiacchiera è una Bugia speciale!

Rossana Virò

Brasato con polenta taragna

momentanea57-010

un  piatto lombardo da gustare insieme alla famiglia  con il calore del camino acceso nelle giornate grigie e fredde d’inverno   !! ricetta che faceva la mia cara suocera

ingredienti

1  pezzo di carne adatto per fare il brasato (io ho usato il cappello del prete)
mezza bottiglia di barolo
una cipolla
1 carota
2 foglie d’alloro
qualche chiodo di garofano
mezzo chilo di polenta Taragna ( per fare prima ho usato quella istantanea )
mezzo cucchiaio di farina
200 gr di formaggio Casera
olio
sale
pepe

procedimento

mettere a marinare la carne dopo averla legata con lo spago da cucina
con la cipolla carota tagliate a tocchi ,l’alloro e i chiodi di garofano ,il pepe , versare il vino coprire con un strofinaccio ,
( fare questo passaggio la mattina se viene fatto per la cena
o la sera prima per il pranzo)

procedimento

tirare su la carne dalla dalla marinatura che terrete da parte
in una pentola versare q,b di olio extravergine , fare rosolare la carne a fuoco vivo da tutti i lati
con il minipimer frullare la marinatura con tutte le verdure
unire alla carne , salare
cuocere quasi 2 ore con il coperchio ( quando un stecchino d’acciaio si infila senza forzare troppo il brasato è pronto)
preparare la polenta ( leggendo il procedimento scritto sulla confezione
fuori dal fuoco unire il formaggio a pezzetti e amalgamare bene
togliere lo spago e tagliare il brasato a fette e sistemare sul piatto da portata
rimettere la pentola sul fuoco con il sugo
unire la farina fare restringere q.b
dare una frullata con il minipimer
Impiattare con la polenta e il sughetto
!! buonissima !!

 

 

 

 

pizzoccheri

10698557_787600951297868_7645232219108865370_n.jpg

I pizzoccheri sono un formato di pasta riconosciuto come prodotto agroalimentare tradizionale della Valtellina, originario di Teglio

ingredienti

500 g di pizzoccheri ( tipica pasta con farina saracena )
3 patate
2 foglie di salvia ( io ho usato quello secco )
200 g di burro
250 di verza
o coste (bietola)o tutte e due le verdure ( a piacere )
400 di formaggio (casera ,latteria)
150 g di parmigiano
2 spicchi d’aglio q.b sale

procedimento

in una pentola molto capiente fare bollire abbondante acqua
salata
unire le patate a tocchetti,
le verdure tagliate a piccoli pezzi,
fare cuocere 5 minuti e unite i pizzoccheri
fare cuocere fino a che diventano morbidi ( al dente )
con un mestolo forato scolarli
versare in una teglia ,alternando con il formaggio tagliato a fettine
in un pentolino fare sciogliere il burro con l’aglio e salvia
fino a che diventa dorato e toglierlo ,
versare il burro e il parmigiano sui i pizzoccheri
fare una bella girata con il mestolo
e servire caldi !!!!
li adoro moltissimo ” un piatto sostanzioso che ci scalda nel periodo invernale del nord