secondi

Cavolfiore al forno

pizap (1)

Un ottimo contorno !!facile e veloce !! si può sostituire la scamorza con qualsiasi formaggio che avete in frigo , in mezz’ora circa  si ha un ottimo contorno

Ingredienti  ( per due persone )

pizap (3)

  • Mezzo Cavolfiore
  • 50 g di scamorza bianca
  • sale
  • un pizzico d’origano secco
  • q.b olio extravergine d’oliva
  • q.b di scamorza da grattugiare

Procedimento

  • Dividere il cavolfiore in cimette , lavare
  • fare sbollentare in acqua bollente per pochi minuti
  • scolarli e mettere da parte
  •  Ungere con un filo d’olio una teglia per forno
  • Disporrete le cimette , con una grattugia a fori grandi
  • grattugiare sopra  q,b di scamorza
  • Unire l’origano ,salare e  irrorare con un filo d’olio
  • Infornare in forno preriscaldato ( statico)
  • A 180 * per 20 minuti ( si devono dorare leggermente )
  • Dopo di che  togliere dal forno
  • Affettare e distribuire sopra la scamorza
  • Rinfornare con funzione grill per pochi minuti  ,fino a che la superficie sia  bella gratinata

Sarde alla scapece marinate con l’aceto

pizap (71)

Sarde alla scapece ,una ricetta che  fa parte della tradizione gastronomica del Sud Italia
ogni regione ha la propria  ricetta , per me è un piatto dei miei ricordi
lo faceva mia mamma d’origine calabrese

 

Ingredienti

300 g di sarde fresche pulite dalla testa
q.b di aglio in polvere
1 cucchiaio di aceto bianco
q,b di sale
q,b di menta secca
un filo d’olio extravergine d’oliva
olio per friggere( arachide)
q,b di farina

procedimento

Lavare bene le sarde
infarinare, scuotere bene la farina incesso
friggere nel olio di semi
adagiare su carta da cucina per fare assorbire l’olio
mettere su un piatto una in fila al’altra
spolverizzare l’aglio, la menta
irrogare con l’aceto e l’olio d’oliva
salare
lasciare marinare per un un paio d’ore
più stanno e più sono buone

Uova al pomodoro al forno

pizap (30)

Un secondo veloce e facile !! ogni tanto mi piace farlo , mi ricorda la mia mamma 💛 è un piatto della cucina povera, in particolare nei paesi del sud ,dove le uova erano l’uniche proteine che molte famiglie si potevano permettere !!
anche a casa mia !! mi ricordo  che quasi tutti avevamo un pollaio vicino casa
sto parlando di un secolo fa !! e i pomodori del proprio orticello non mancavano mai
💛
Io sono convinta !! che i  tempi cambiano, ma le cose buone restano

Ingredienti

2 uova a testa
un trito x soffritto
sale
1 tazza di polpa di pomodoro
basilico q.b
un filo d’olio d’oliva

Procedimento

Rosolare il soffritto (sedano ,cipolla ,carote )
con un filo d’olio
(non avevo il sedano è ho usato il soffritto surgelato)
unire la polpa ,salare
cuocere x 20  minuti
con un Minipimer  frullare il sugo
versare in una teglia  per  forno
rompere sopra le uova unire il basilico ,salare
infornare in forno preriscaldato  180*
fino a che gli albumi diventano bianchi e i tuorli morbidi
spegnere il forno e servire

Scaloppine di tacchino alla salvia

pizap (11)

Le scaloppine !!  che siano di pollo,di tacchino o manzo !!  sono un secondo   gustoso  semplicissimi  da preparare, sono graditi da piccoli e adulti , magari con un buon purè di patate o verdure

Ingredienti ( per 4 persone )

pizap (3)

8 fette di tacchino
3 / 4 foglie di salvia fresca
mezza cipolla
q.b di vino bianco ( io ho usato del spumante avanzato )
sale
q,b di latte
q.b di farina
un filo d’ olio extravergine d’oliva

Procedimento

In   padella antiaderente  grande, versare un filo d’olio
la cipolla tritata , la salvia lavata e asciugata con carta da cucina
fare rosolare leggermente  , infarinare le fettine di tacchino

Mettere nella padella private della farina in eccesso,rosolarle per 10 minuti girandole ogni tanto
Versare q.b di spumante e fare sfumare , salare
unire mezzo bicchiere di latte ,mettere il coperchio e fare cuocere a fiamma bassa per 20 minuti ( se serve unire ancora latte )
deve restare un po di sughetto

A fine cottura tirare su le fettine e mettere in una teglia da portata
versare il sughetto fatto con cipolla,salvia e frullare con un minipimer
fino a che diventa una cremina ,versare su le fette di tacchino
Servire calde

Cosce di pollo in umido

pizap (1)

Ingredienti

2 cosce   di pollo  a persona ( la quantità a piacere)
3 cucchiai di soffritto surgelato
un trito di erbe ( salvia, rosmarino, erba cipollina, 1 foglia d’alloro)
q.b di patate
2 cucchiai di passata di pomodoro
sale

Procedimento

lavare bene il pollo e asciugare
fare rosolare da tutte e due i lati in una padella larga
!! io ho le pentole  dove  non serve mettere olio ,basta farle scaldare  e che vanno anche in forno con il coperchio )
se volete mettere un filo d’olio
fare attenzione che il pollo nel rosolarsi lascia il suo grasso
versare il soffritto ,l’erbe ,salare
unire un bicchiere d’acqua
la passata di pomodoro
infornare a 200:* con il coperchio ( o stagnola)
per 20 minuti , se serve unire un po d’acqua
pelare le patate ,lavare e tagliare a tocchi grossi
unire al pollo, coprire e continuare la cottura fino a che le patate sono morbide
cinque minuti prima di finire la cottura togliere il coperchio
e fare restringere il sughetto q.b

ottima ricetta , con il suo sughetto può accompagnare anche una buona polenta taragna
 
Buon Appetito

Baccalà con olive e capperi

pizap (8)

Ingredienti ( per due persone )  per più persone
aumentare le dose)

5 pezzi baccalà già ammollato
1 cipolla
q.b di capperi dissalati
sale
q,b olio extravergine di oliva
q.b di olive nere denocciolate

Procedimento

In una padella fare leggermente soffriggere la cipolla tritata ,unire un po d’acqua e   fare appassire con il coperchio
unire il baccalà  , cuocere sempre  coperto  per 30 minuti
se serve unire ancora un po d’acqua
unire le olive  , i capperi e  aggiustare di sale ,  continuare la cottura  senza coperchio
fino a fare ristringere il sughetto

 

Baccalà infarinato e fritto

pizap (13)

Il baccalà è lo stoccafisso non sono altro  che merluzzo , di prima qualità
il primo viene sottoposto a salatura e lo stoccafisso solo essiccato
fanno parte entrambi della cucina popolare Italiana da sempre !! ci sono moltissime ricetta da fare per consumarlo !! penso che ognuno di noi ha una ricetta di famiglia scritta su un foglio di carta ormai ingiallito dal tempo è meraviglioso quando si trasmettono le ricette!! questa ricetta è cosi semplice che più di una ricetta è un dolcissimo ricordo !! ogni volta che lo faccio mi vengono in mente le meravigliose vigilie dei Natale passati !! sono di origine Calabrese e il baccalà la vigilia viene fatto in tutte le famiglie !!a casa mia mamma non lo faceva mai mancare soprattuto fritto !! era l’ingredienti principale ,insieme ai broccoli e i cavolfiori

pizap (15)

Ingredienti

Baccalà  Baccalà dissalato
farina 00
un pizzico di sale
acqua
q.b olio di semi di arachidi

Procedimento

Togliere con le mani il primo sale , tagliare a pezzi , mettere in una bacinella piena d’acqua fredda ,lasciare in ammollo 2 giorni cambiando l’acqua un paio di volte al giorno !! io per sapere se è completamente dissalato ne assaggio un pezzettino ,se serve continuare a tenerlo in ammollo un giorno in più !!
Dopo di che lavarlo sotto l’acqua corrente!! tagliare i pezzi a bocconcini ,togliere la pelle  controllare se ci sono le spine e toglierli, asciugare bene con della carta da cucina infarinare ,mettere in un scolapasta e scuotere per togliere la farina in eccesso
Portare alla temperatura giusta l’olio in una pentola (deve essere abbondante)
iniziare a friggere i bocconcini di baccalà, girandoli spesso in modo che si dorano in entrambi i lati ,fare assorbire l’olio in eccesso su carta ! salare leggermente
Servire con delle  verdure cotte , condite con olio extravergine e succo di limone